Lettere della Guerra dall'epistolario di famiglia

Dal 25 luglio 1943 alla liberazione, lettere di civili e militari

a cura di Federico Adamoli



08/03/1944, Annunziata e Federico Adamoli, Teramo

      8 marzo 1944
      
      Carissimo [Giovanni], questa che dici essere la terza che scrivi da Biala, la seconda. Tutta la corrispondenza di Tarnopol ci giunta compreso il bollettino. Ci informeremo se sar ancora utile. Ci commuovemmo molto per le tue del 24 dicembre [parola illegibile] Ti sogniamo sempre e anche noi tutti desideriamo ardentemente riabbracciarti al pi presto e averti sempre con noi. Noi tutti bene. [parola illegibile] di passaggio. Per mezzo di Fernanda tanti saluti a Sorgi dalla sua signora. Non preoccuparti per noi. Possa presto giungere il sospirato giorno in cui tutti possiamo riunirci in un abbraccio fraterno. Di Giuseppe il figlio del prof con te? Fini scrive che forse andrete in Italia. E vero? Baci da tutti aff.mi mamma e pap