Gelasio Adamoli - La direzione de "L'Unità" (1951-1957) - Lettere al Direttore


Evita e il cavallo (1951)

La candidatura di Evita Peron alla Vice Presidenza della Repubblica Argentina, resa possibile dalla dittatura del suo “grande” marito, non le pare ricordi i periodi più decadenti delle dittature, come ad esempio quello di Caligola che fece nominare senatore il suo cavallo? (Guido Scolari – Via Trento, 42-5)

             Credo che l'accostamento fra i due grandi fatti storici non si esaurisca nella bellezza rispettivamente umana ed equina, dei due protagonisti e neanche nella comune immediatezza rappresentativa dei nomi: la femminilità è in Evita come la cavallinità è in Incitatus, il cavallo senatore.
             Vi è anche la questione dei simboli che hanno accompagnato l'ascesa al potere dei due superbi esemplari di razze, simboli che, bisogna riconoscerlo, stanno a dimostrare la sensibile intelligenza dei cortigiani d'ogni tempo. La poltrona di Evita, proposta a monumento nazionale, per la funzione particolare a cui una poltrona è solitamente destinata e che assurge a nuova nobiltà nel caso della giunonica dittatoressa, non è di minore e in definitivo diverso significato dalla greppia d'oro votata dai senatori romani per Incitatus.
             Ma l'accostamento storico potrebbe assumere aspetti molto più gravi, quali lo sperpero del pubblico denaro e la spoliazione sistematica dei cittadini per il perseguimento di pazzi sogni imperiali.
             Speriamo che il simpatico popolo argentino sappia fermarsi sulla strada dei ricorsi storici di questo tipo.


Tutte le 'Lettere al Direttore'

Torna alla videata principale Gelasio