Istoria della vita e delle di Quatremere De Quincy

Pagina (394/867)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina  Immagine

      ╗ 3g4 48
      queste opere, siccome l' ha fatto sa quelle dý Sebastiano, che la pittura a . olip s'annerisce sopra gli intonachi ne1quali entri lÓ calce. . fAd onta di ci˛ , e ohe il loro tono abbrunato levi l'armonia in quella salai con quello degli a freschi, le duÚ figure di Raffaello 9on0 ben conservate sotto altri rispet^ ti. Esse soqo ;d'una dimensione oltre il naturala, e rap-t presentano la Giustizia e la Clemenza. La prima Ŕ Osservabile per un' acconciatura di panneggiamento largo e grandiosb, ,per una posa ed un atteggiamento graziati ss imi. Ha la testa rivolta, e la sua vista si dirige verso la bilancia* che tiene con una mano, mentre tiene l'altra appoggiata sul lungo collo d'tino struzzo che le sta d' accanto. Quale fu mai la ragione che ha fatto dare alla Giustizia lo struzzo per attributo ? *
      *' Supposero gli qulicty cb$ lo struzzo avesse lÓ particolaritÓ di dimenticarsi facilmente anche delle piÓ care, affezioni. Raffaello) con porlo' a canto della Giustizia, avrebbe voluto esprimere quello spoglio di prevenzioni e di riguardi, che tanto contribuisce alla rettitudine de1 sdoi libramenti ?
      Intorno a questa figura-, ci scriveva F ottimo Miasrrini : . . . ź FuTaldina opera eseguita da Raffretta Ma, quantunque que-1 sta pjtjturp sia sempre in sŔ graftfc.ź bellissima, con atto grazioso, e dolce espressione, 'tntUvia 1, grandi Maestri dell'arte vi hanno scorto, eh' essa lascia desiderare il condimento di quella puritÓ Ŕ squisitezza, cke nelle altre opere del Sanzio s'ammira; Ŕ specialmente quella giudiziosa' misura , eh'ei tenne in tutto. E tr˛vahdomi -iˇ Úo\ sˇmmo'CÓnova aŔ' esaminare quella pittura* ei meco prese ad esclamare : Reato Raffaello a cui la stessa morte immatura fu un benefizio del Cielo! La sua benigna fortuna lo tolse per tempd; e giÓ il suo merito e la sua CelebritÓ erano giunti al sommo. MŔ giÓ meglio dipinger potea, oh'ci si avesse latto! uŔ pi¨ cose un artista anehe vŔcchissimo p˛tria Are delle sue: avvegnachÚ le sole Vergini eh'ei ritrasse basterieno^.ooQie


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina  Immagine

   

Istoria della vita e delle opere di Raffaello Sanzio da Urbino
di Quatremere De Quincy
Sonzogno Milano
1829 pagine 847

   

Pagina (394/867)




[ Home Page Raffaello Sanzio ]




Sebastiano Raffaello Giustizia Clemenza Osservabile Giustizia Supposero Giustizia Miasrrini Taldina Raffretta Ma Uvia Maestri Sanzio CÓnova Reato Raffaello Cielo CelebritÓ Are Vergini Qie Quale Raffaello