Istoria della vita e delle di Quatremere De Quincy

Pagina (188/867)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina  Immagine

      iS8 '
      Ges si presenta non pi come abitatrice delia '(erra,
      in litografia, che intitola La Marianna del divino amore, tratte da quel quadro,'e. ne ricorda uno simile nel Vaticano. Tale pire, T opinione degli eruditi Estensori delle descrizioni degli oggetti componenti il museo Borbonico di Napoli, fra quali il dotto sig. Guglielmo Bechi ne ha dato quella di questo quadro, come opera indubitata del Sanzio. Noi per altro veniamo assicurati. da artisti di somma portata , ai quali dobbiamo prestar fede, che per quanto la generale opinione, attribuisca quel quadro a Raffaello , gli atUgenti dell' ri vi trovano evidentissima la mano di Giulio Romano.
      Fra le altre una bellissima copia, eseguita in tela da Francesco Penni, oonservasi nella galleria del < cav; -e profess. sig. Giuseppe Longhi in Milano , il quale ne trasse un disegno ricercatissimo, servendosi inoltre di varii stdi da ini (atti gi tempo sali' originale , onde abbiamo parlato : stanteokfc ri ella copia del Penni, quantunque acclaratissima, erano svanite aldine pieghe nella parte ombrosa dell' bito azzurro della Beata Vergine, che, nell'originale di Raffaello, erano, appieno conservate. Da questo disegno egli ac ha formato un maravigliato intuglio > il quale fu comperato, prima ch fosse ridotto al suo termine, da'sigg. Pagni figlio e C. di Firenze per luna grossa somma di denaro.
      Altri intagli esistono di qusto soggetto trami dall'originale o dalle copie > tre de' qali meritano particolare menzione. Uno di Marcantonio Raimondi , tratto al suo solito non dal quadro, ma dal primo pensiero di Raffaello ooo .molte variazioni nelle figure e nel fondo. La principale variazione nella testa di S. Elisabetta, la quale nop al contatto con quella della Vergine, ed voltata nel medesimo senso di questa. L'altro di Nicola Piteau, intorno al quale prima l'Enciclopedia metodica, indi quasi tutti que'che scrissero intorno all'incisione in rame, fecerq i pi grandi elogi, copiandosi 1'un l'altro , fino a preferirla allf famosa Sacra Famiglia, incisa da Edelink ; ma che aveudola confrontata colla detta copia della galleria Loqghj, col disegno eh' egli ne trasse e col-1' intaglio che esegui , si resta pieuamente convinti, essere ben lontana dai vero carattere di Raffaello. Il terzo pi recente di
     


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina  Immagine

   

Istoria della vita e delle opere di Raffaello Sanzio da Urbino
di Quatremere De Quincy
Sonzogno Milano
1829 pagine 847

   

Pagina (188/867)




[ Home Page Raffaello Sanzio ]




La Marianna Vaticano Estensori Borbonico Napoli Bechi Sanzio Raffaello Ugenti Giulio Romano Francesco Penni Longhi Milano Penni Beata Vergine Raffaello Firenze Marcantonio Raimondi Raffaello S. Elisabetta Vergine Nicola Piteau Enciclopedia Sacra Famiglia Edelink Loqghj Raffaello Guglielmo Noi Giuseppe Uno Elisabetta